Ho scoperto che Babbo Natale non esiste!

L’adulto non crede a Babbo Natale.

Ma lo vota.

Pierre Desproges

babbo natale non esiste

Credere nell’esistenza di un uomo buono che pensa a “Te” e che in una notte fredda attraversa, con la sua slitta i cieli di tutto il mondo per portare, nella “Tua” casa, esattamente quello che “Tu” desideri, è un’illusione salvifica.

Crescere con quest’illusione è molto educativo. Ci fa credere che persone assolutamente a noi sconosciute vogliano il nostro bene e che, per questo siano disposte a grandi sacrifici, che siano capaci di gioire delle nostre gioie e possano essere ripagati dalla nostra felicità.

Da bambini permettiamo a questo illustre sconosciuto di varcare i limiti protetti della nostra casa, lo attendiamo, lo immaginiamo, un po’ ne siamo intimoriti, ma ci insegnano ad amarlo ed a ringraziarlo nei nostri pensieri per questa sua generosità di incomparabile valore ed il cui prezzo è magari solo quel latte caldo o quei biscotti che la mamma lasciava sul tavolo per lui. Quanto siamo oggi lontani dal credere ancora a Babbo Natale?

Verso i 6 o 7 anni capita che il compagno più sveglio o la tv ci disilludano.

Oppure succede che scopriamo quel giocattolo nell’armadio e ci chiediamo prima perché Babbo Natale ce lo abbia nascosto e poi intuiamo che forse… ma non è possibile, ma improvvisamente tutto ci è chiaro… quello crediamo essere il momento in cui smettiamo di credere in Babbo Natale.

Quella sensazione di profonda perdita, purtroppo, non appartiene solo a quel momento. Allora forse è solo la prima volta che lo sentiamo. E per come è piccola e nuova la nostra emotività ci sembra difficile da accettare anche se un po’, alla fine, soprattutto se abbiamo fratelli più piccoli, ci inorgoglisce perché questa rivelazione ci porta, con la stessa magia, nel mondo dei “bimbi grandi”. Io mi destreggiavo poi a fare da supporter alla mia mamma per organizzare la sorpresa a mio fratello, per cercare di prolungare, almeno per lui, questa bella magia.

Ma la disillusione di aver scoperto la verità su Babbo Natale la viviamo altre volte. A me è capitato spesso.

Quando riusciamo ancora a scandalizzarci davanti alle nefandezze che la politica ed i privilegi di pochi vengono portati alla luce nei nostri telegiornali. Quando la persona che abbiamo amato ed a cui abbiamo affidato i nostri sentimenti più profondi, improvvisamente si rivela diversa dall’oggetto del nostro afflato. Quando scopriamo che sul luogo di lavoro gli interessi personali prevalgono spesso su ogni cosa. Quando sentiamo che ci sono persone capaci di massacrare senza pietà altre persone in nome di Dio.

Ma soprattutto quando, ed io ne ho avuto la piena consapevolezza in questi giorni, scopriamo che davvero quasi tutto, gira intorno al denaro.

Mi hanno regalato “Via Crucis” per Natale. Il titolo forse è un po’ evocativo di questo mio anno difficile, ma il contenuto è raccapricciante! L’inchiesta di Gianluigi Nuzzi scopre un vaso di Pandora che probabilmente per i più disincantati era intuibile, ma per chi ha vissuto 44 anni credendo che alcuni valori, quanto meno, permanessero in alcune realtà seppure minime, anche contaminate e contaminabili e da riserva protetta.

L’inchiesta ha dentro di sé anche il seme della speranza, nella grande e meravigliosa figura di Papa Francesco che si è dato la missione di restituire il profondo senso di spiritualità alla Chiesa.

Cosa resta allora?

Restano quei pochi rapporti veri, sinceri e profondi che la vita ci regala. Resta la fiducia nelle proprie capacità, nei valori che professiamo, nel senso della vita che facciamo trascendere da noi. Questo può essere il Babbo Natale che continuerà a scendere dal camino ed a cui possiamo non smettere di credere…

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...