La morale della favola

Anche le favole immorali hanno la morale della favola.
(Zarko Petan)

favole

Ieri si è conclusa una favola. La Elena di esattamente un anno fà era come una bambina che aveva a tutti i costi bisogno di credere nelle fate dei boschi e nel lieto fine che è sempre previsto nelle fiabe, quando a guidare la vicenda è l’amore, la generosità e la volontà di fare del bene al prossimo.

Siamo su questo mondo, questo lo penso ancora, per lasciare un segno, anche piccolo, impercettibile, ma che rimane nelle persone che ci avvicinano. Ed io volevo che questo diventasse il mio lavoro, che questa passione per il senso della vita, il “realizzato” dal solo potenziale fosse un vero patrimonio in condivisione.

Per questo un anno fa è nata “Ricomincio da Me”.

Allora credevo davvero che le persone fossero quello che dicono di essere o che insegnano o professano nella vita. E mi sembrava bello e giusto dar loro credito e fiducia anche solo per questo. Credevo di esser capace di capire le persone dalla luce dei loro occhi, dai sorrisi e dalla sintonia che sembravano comunicarmi.

E credevo che un sogno avesse bisogno di una casa. Di un luogo fisico in cui raccogliere e condividere sogni, progetti, idee, talvolta lacrime ma anche forza e voglia di cambiare ogni cosa.

I miei soldi, gli ultimi risparmi che possedevo, avrebbero avuto la migliore destinazione immaginabile nella realizzazione di questa idea.

Tante troppe donne vivono la paura di dover ricominciare ed io volevo diventare un riferimento, con la mia storia, la mia capacità di esserci e la sensibilità di chi credevo volesse condividere gli stessi ideali con me a vantaggio del prossimo.

Poi sono arrivate, come un fiume in piena, tutte le delusioni di questo mondo. L’acqua ha spazzato via tutte le illusioni che avevo visto o avevo voluto vedere. Ma come sempre accade con le alluvioni, tutta quest’acqua ha lasciato solo quanto di forte e vero meritava di restare, nel bene e nel male.

L’acqua ha scoperto i vasi di Pandora di persone opportuniste e false che mai dovrebbero avvicinarsi alle persone per lavoro, in quanto incapaci di distrarsi anche un po’ dal proprio incommensurabile ego. In questo si collocano tante vicende e persone, fino alla truffa vera e propria che mi è stata perpetrata da chi ha approfittato della mia buona fede ed inesperienza per accrescere il proprio conto in banca, senza il minimo riguardo per quanto è “giusto” e “sano” nella vita. Ed ha caricato la truffa con offese ed arroganza da padrone del mondo accecato solo dal proprio famelico desiderio di avere.

Troppe notti insonni, un dolore sommesso e costante alla bocca dello stomaco per quanto stava succedendomi. La domanda più pesante che mi ponevo era perché a tanta buona volontà doveva contrapporsi tutta questa melma di immoralità che arrivava da ogni dove.

E quando non c’era male, c’era indifferenza. Mancanza di interesse.

Ma le alluvioni lasciano intatte anche cose forti e profonde, quelle ben radicate nella terra. Ed ecco che la Elena di un anno fa non conosceva alcune persone che poi si sono rivelate davvero un grandissimo regalo della vita. E allora ho capito:

Il mio sogno non è morto. Perché il mio sogno era di costruire una rete di persone animate dagli stessi valori, spinte dalle stesse ambizioni, con lo stesso sguardo limpido e pulito verso l’esistenza ed i rapporti personali.

Ebbene si è generata una possente selezione naturale per questo. Che è costata tanto dolore. Ma oggi questa rete esiste. E non ha bisogno di un luogo  perché la sua casa è nel cuore di quelle persone. Non ha bisogno di investimenti importanti, perché vibrerà come un tam tam nei cuori che la faranno risuonare.

Dunque questa favola che sembrava così amorale, alla fine, una sua morale l’ha avuta. E questo, all’indomani della chiusura della sede di Milano di “Ricomincio da Me” è il balsamo più dolce che si possa immaginare per il mio cuore ferito.

Ora si volta pagina, ora si va avanti.

Quella bambina ora è molto più saggia e decisamente più forte.

Forse solo un po’ meno fiduciosa nel prossimo… ma ci sta:

è il prezzo del dolore provato e la garanzia  di non illudersi ancora…

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...