I Piaceri del downshifting – Parte 2

eeeee

Uno dei principali vantaggi attribuibili al downshifting, secondo me, è proprio una nuova attribuzione del valore. Abbiamo lasciato che fosse il mondo ad indicarci “il valore” e, normalmente, il mondo l’ha avvicinato pericolosamente al concetto di “prezzo”.

Ma il “valore” è un concetto individuale, soggettivo, non assoluto, non oggettivo come può essere un prezzo. Il valore cambia per ognuno di noi ed è la risultante di tutte le esperienze di vita che abbiamo fatto, dei riferimenti educazionali avuti dalla famiglia, anche dei dolori, purtroppo, con cui l’esistenza ci ha confrontati.

I profondi e veri desideri non possono prescindere da quanto noi attribuiamo nella vita come di valore. Io per esempio considero di massimo valore il tempo. Anche più del denaro. E per questo ho fatto la scelta del downshifing. La libertà di azione, l’integrità e coerenza di pensato ed agito sono altri aspetti che valuto imprescindibili. E considero di valore le relazioni sincere con le persone. I confronti intellettualmente onesti.

Uno degli scopi che vorrei dare alla mia vita, per considerarla veramente realizzata, è renderla una vita “eccellente”. Non felice, non serena, non ricca, non allegra. Ma una vita eccellente. Dove per eccellente intendo ogni giorno più scelta, ancorata ai miei personali valori, a quanto mi appare giusto e bello.

Ecco, fare un downshifting non è abbassare le pretese o accontentarsi. Nella mia vita ha significato liberarla di inutilità, di relazioni coatte, di bisogni indotti, di compulsive avidità. Alleggerirla, darle valore, riempire la mia vita del me più autentico.

E’ una scelta facile? Assolutamente no!

Una scelta compresa e condivisa? Meno che mai!

Una scelta necessaria? Per me lo è stata, categoricamente.

E come portarla avanti ogni giorno? Rivolgendo l’attenzione al dentro più che al fuori. Imparando ad ascoltarsi di più, riconoscendo l’intuito, prescindendo dai giudizi delle altre persone, scegliendo molto accuratamente, anche i nostri compagni di viaggio. Solo così diventa una scelta possibile e felice. Perchè fare un downshifting e continuare a confrontarsi con i vecchi sistemi ci rende persone frustrate, infelici, e irrealizzate.

Se oggi dovessi valutare la mia vita con lo sguardo del mondo, dovrei darmi della pazza, immatura, sognatrice ed ingenua. E questo mi farebbe male.

Io mi guardo, però. E mi “giudico” con quanto è veramente importante per me e vedo una donna libera, senza catene, che può scegliere ogni giorno, che ha il privilegio di godersi la vita per quello che le dà profondamente piacere e gratificazione. Non l’auto di lusso. Non più la vacanza superchic, non l’abito firmato o le scarpe griffate. Ma tempo per pensare e scegliere. Relazioni arricchenti e costruttive. Progetti creativi e mille opportunità.

Ecco per me questo è il vero e profondo senso del downshifting.

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...