La maggioranza

Nel precedente articolo, ho fatto accenno ad alcune parole che ho voluto definire “pericolose” ed il cui senso va rivisto, talvolta anche alla luce delle nostre coscienze

Una di queste è “MAGGIORANZA”. Nei prossimi articoli andremo ad approfondire gli altri concetti che, a mio parere, sono da riguardare in maniera più critica e costruttiva.

Partirei da una bella citazione di Umberto Eco che inquadra molto bene la nuova luce da dare a questo concetto:

“In politica l’appello alla volontà popolare ha soltanto valore legale (“Ho diritto a governare perché ho ricevuto più voti”) ma non permette che da questo dato quantitativo si traggano conseguenze teoriche ed etiche

(“Ho la maggioranza dei consensi e dunque sono il migliore”).”

(Umberto Eco)

Il concetto di maggioranza prescinde completacapremente il giudizio di valore. Ha puramente un valore “matematico”. Quindi cominciamo a liberarci dal cliché che essere maggioranza significhi essere migliori. Anzi. Molto spesso la maggioranza si è macchiata delle peggiori nefandezze commesse dall’umanità e lo ha potuto fare perché ha dittatorialmente deciso per la totalità.

A partire dal delitto più sentito nella religione cristiana, sulla collina del Golgota, duemila anni fa.

Essere maggioranza significa quindi prima di tutto essere voce di tutti. E questo può avvenire solo tenendo in grande conto ed ascoltando continuamente le minoranze, rimettendosi in discussione ogni volta: questa è la vera base della democrazia.

Ed a proposito di democrazia Albert Einstein scriveva

“Sebbene io sia un democratico, ho la certezza che l’umanità non progredirebbe e degenererebbe senza una minoranza di uomini e donne onesti e socialmente impegnati, disposti a sacrificarsi per le loro convinzioni”

(Albert Einstein)

Quindi il progresso non arriva per una maggioranza che trascina il mondo nella corretta direzione, ma per una minoranza illuminata in grado di guidare la maggioranza nella vera ed autentica democrazia. Concetto espresso anche da Moore che ha contestato con il suo lavoro il sistema politico, probabilmente, più a rischio da questo punto di vista, quello americano. E che per le sue idee si è inimicato gran fette di pubblico dei suoi prodotti cinematografici.. sssssss

“La maggioranza non ha mai portato cambiamenti nel mondo. Lo ha sempre fatto una piccola minoranza.”

(Michael Moore)

Dunque forse è il caso di inorgoglirsi nell’essere minoranza, capire che l’impegno è differente e sicuramente occorre essere uomini e donne migliori, forti e di inestimabili valori etici per dare valore al sistema, soprattutto quando il potere è nelle mani della “maggioranza” a cui è richiesto, spesso, solo di essere “maggioranza”.

Ma maggioranza vuol dire anche “mercato” ed il mondo adora vederci maggioranza, perché “maggioranza” vuol dire mercato, vuol dire business, vuol dire circolazione di capitali. “GUIDARE” la maggioranza, condizionarne i bisogni, significa muovere capitali e potere.kkkkk

Ma io, tu che mi leggi, il tuo vicino di casa, non siamo “mercato”. Siamo individui, persone. Con tutte le peculiarità proprie di un’unicità. Ed è questo il valore da perseguire sopra tutti. L’individuo nella sua essenza propria diventa ingestibile e, finalmente, libero.

La più piccola minoranza al mondo è l’individuo. Chiunque neghi i diritti dell’individuo non può sostenere di essere un difensore delle minoranze.

mmmm(Ayn Rand)

Annunci

1 commento su “La maggioranza”

  1. Bellissimo spunto di riflessione Elena!!! Pensando in piccolo mi sento spesso e con orgoglio “minoranza” ma appena allargo il confine il concetto di maggioranza mi fa sempre più paura…..esempio forse banale l’America di Trump!…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...