Il dolore e la crescita

Il dolore più acuto è

quello di riconoscere noi stessi come

l’unica causa di tutti i nostri mali

(Sofocle)

ssss

Ho sospeso la bella abitudine che avevo preso di scrivere articoli su questo blog. E l’ho fatto per più di tre mesi. Perché, come in ogni viaggio, ho dovuto attendere ad una pausa di riflessione. Non meno forte e ricca del viaggio stesso.

Credo che la frase di Sofocle citata, renda bene il mio vissuto di questi tre mesi. Sto compiendo una profonda analisi dentro me stessa per capire quali meccanismi, quali ragioni sono state alla base delle tante delusioni che, nel tempo, hanno attraversato la mia esistenza.

Non ho un’indole vittimistica o, peggio ancora, fatalista.

Per questo lavoro su me stessa!

Credo, infatti, che tutte le risposte (quelle giuste e quelle, ahimè, sbagliate) siano dentro di noi. Occorre solo volerle vedere e prendersene la responsabilità.

In questo tempo mi è successo di vedermi sgretolare davanti agli occhi, in pochi istanti, un sogno di amore che era stato, per tantissimi anni, solo una proiezione consolatoria della mia fervida immaginazione. Ed ho dovuto fare i conti, come spesso accade, prima con tutte le recriminazioni e la rabbia del momento verso il malcapitato.

Salvo, poi, capire che siamo tutti individui incompleti, bambini spaventati che hanno relazioni con altri bambini spaventati. Individualità che si muovono sui terreni delle false credenze, di proiezioni dell’ego, di rifugi puerilmente consolatori. Arrivata a questa conclusione ho deciso di “usare” questa sofferenza per togliere le ancore e provare ad accogliere quanto la vita mi stava dicendo, mettendo prima di tutto me stessa in discussione. Un lavoro lungo e doloroso, ma assolutamente necessario che è bel lungi dall’essersi completato.

E cosi alla fine sono ritornata “a casa”. Ancora una volta a capire che se si avesse il coraggio di ricominciare da se stessi, dallo sciogliere tutti i nodi, smontare i paradigmi, sviscerare i blocchi che dentro di noi impediscono la vita vera, probabilmente si attraverserebbero prima gli acuti dolori che cita Sofocle, ma poi si comincerebbe a vivere con una luce nuova negli occhi.

Per divenire esempio… verso chi amiamo prima di tutto. Affinché ne percepiscano l’incommensurabile valore e decidano di farlo a loro volta.

Ma quanti di noi hanno il coraggio di immergersi in questo acuto dolore? Quanto più facile può essere “anestetizzarsi” e vivere la vita che “riusciamo”? Addebitare le colpe delle nostre insoddisfazioni al destino e alla fortuna, agli altri, alla società non è molto più facile? Temo di si…

“Il vetro non è rotto dal sasso

ma dal braccio esperto di un ingenuo gradasso

l’applauso per sentirsi importante

senza domandarsi per quale gente

tutte le occhiate maliziose che davi era semi sparsi al vento

qualcosa che perdevi

e m’inaridivi e m’inaridivi e m’inaridivi

non sento niente no adesso niente no

nessun dolore”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...