Archivi tag: Giudizio

Il giudizio

La più alta espressione dell’empatia è nell’accettare e non giudicare.
(Carl Rogers)

Siamo stati educati, cresciuti e ancora oggi siamo costantemente alimentati dal concetto di giudizio. A mio parere non solo uno dei grandi mali della nostra cultura, ma anche l’infima scorciatoia educazionale dei figli nonchè il pastorale di tanta “brava gente pseudo-religiosa”.

Niente di più deleterio per la fragile mente umana di sapersi oggetto di un verdetto. In qualsiasi campo.

Bravi e cattivi. Belli e brutti. Capaci e inetti. Vincitori e perdenti….e via dicendo… E poi comportamenti giusti e convenienti rispetto ad altri disdicevoli ed amorali. Etichette su etichette….E noi li a cercare di misurarci ogni volta con un metro differente. Quello che non abbiamo stabilito noi. Ma altri da noi. Secondo le metriche più differenti, spesso incomprensibili, quasi sempre sconosciute perchè originate da interessi economici, mode, politica e “gestione sociale” a buon mercato!

Non credo al moralismo, molto poco nella politica e soprattutto credo che, a parte la matematica e la fisica, poche altre discipline possano esser considerate esatte ed oggettive,

Adoro pensare che in quanto esseri perfettibili, ci sia possibile tutto, come il contrario di tutto. La storia della mela e di Adamo ed Eva? Favoletta machista e puerile!

Ma la cosa peggiore accade quando il malefico giudizio non arriva nemmeno più da una terza parte, ma da noi stessi. Saturi di tutti i paradigmi che ci bombardano addosso, ci guardiamo con occhi estranei e decidiamo se siamo o meno meritevoli di “stima” da parte di… noi stessi!

…ed eccoci arrivati al punto; l’autostima. Concetto che ha inflazionato libri e riviste, riempie le aule di formazione e fa sognare coach e psicologi.

“Accrescere l’autostima è fondamentale per raggiungere il benessere personale”

Ma per stimare qualcosa occorre dargli un valore, decidere se l’oggetto di stima sia o meno meritevole di apprezzamento. Ecco quindi che ci auto-stimiamo se il capo ci promuove, se il nostro partner (o chi per lui) ci gratifica, se pensiamo di aver raggiunto dei traguardi “ambiti” dalla maggior parte dei presenti al banchetto sociale in cui ci cibiamo ogni giorno.

Tutto orribilmente sbagliato e fonte inestinguibile di frustrazione ed infelicità…..

Segue…

Annunci